Da Fornovelasco al Monte Forato passando da Foce di Valli

Fornovelasco, sentiero 12, Passo Forato, Monte Forato, sentiero 110, Foce di Valli, sentiero 130, strada carraia, Fornovelasco.

Partenza da Fornovelasco
Ascesa/Discesa: 930 m
Lunghezza: circa 11 km
Tempo richiesto (soste escluse): 4.15 ore
Sentiero: 12, 110, 130
Difficoltà: E lungo quasi tutto il percorso, EE lungo il crinale tra Monte Forato e Foce di Valli
Cartografia: 1:25.000 Multigraphic - Alpi Apuane 110

Leggi le Note Importanti per le Escursioni Proposte.

 

Descrizione: percorso facile ad anello ma che richiede esperienza e passo fermo lungo il crinale tra Monte Forato e Foce di Valli.

É il mio secondo tentativo di salire al Monte Forato visto che la volta precedente avevamo ripiegato sulla bellissima, e vicinissima, Grotta del Vento a causa del maltempo.

Dalla valle della Garfagnana, arriviamo a Gallicano e seguiamo le indicazioni per la Grotta del Vento fino a Fornovelasco dove parcheggiamo l'auto (sono disponibili un po' di parcheggi) e mettiamo lo zaino in spalla.

Il tempo é brutto: la Pania Croce é coperta dalle nuvole, ma vediamo già il bellissimo arco del Monte Forato. Tempo di prendere un cappuccino al bar in piazza e di incamminarci, che inizia a piovere.

 

Riusciamo a ripararci nei pressi dell'ultima casa del paese e rimaniamo in attesa.

Smette di piovere e la Marta ci sprona a tentare la salita: ha avuto ragione, non abbiamo preso una goccia d'acqua e ci siamo divertiti.

Le indicazioni all'interno del paese sono ben evidenti e visto il meteo incerto, decidiamo di prendere il sentiero 12 (che per questo primo tratto coincide con il 6) più diretto e sicuro in caso di maltempo. Il 130 prevede passaggi difficoltosi su roccette che sconsiglio in caso di pioggia.

Arriviamo in breve  al bivio in cui i sentieri 6 e 12 si dividono e proprio qui troviamo tre persone del CAI che stanno sistemando la segnaletica. Ne approfittiamo per chiedere loro indicazioni sul percorso e sullo stato dei sentieri. E approfitto dell'occasione per ringraziare tutti quelli che si adoperano in questa importantissima attività!

Proseguiamo per il sentiero 12, sempre nel bosco, fino alla Capanna Felice che mostra, apposto sul muro esterno, le coordinate GPS e la quota del punto. Discrepanza rispetto alla carta in uso che segna 844 metri rispetto agli 833 del cartello. Purtroppo non ho potuto verificare con l'altimetro del Garmin Dakota 20 perché non lo avevo tarato alla partenza e la differenza é minima.

 

Il sentiero 12 é quasi interamente nel bosco ma vi sono diversi scorci su cui la nostra vista può spaziare sulla belle vedute circostanti.

Il sentiero é nel complesso ben segnalato ma quando ci siamo persi in chiacchiere, beh...abbiamo anche perso il sentiero. Dato che lo scostamento era limitato, abbiamo sfruttato il Dakota 20 e, orientata la bussola interna, abbiamo tagliato per il bosco fino ad intercettare nuovamente il sentiero 12. In questo caso, il navigatore GPS si é dimostrato uno strumento validissimo.

La salita é abbastanza costante e nell'ultimo strappo usciamo finalmente dal bosco ed il panorama ci si allarga tutto intorno. Peccato per le nuvole basse che ci nasconderanno la Pania della Croce per tutto il giorno.

In breve arriviamo al famoso arco, splendida cornice per la vallata circostante ma, purtroppo, foschia e nuvole basse riducono la visibilità.

 

Mangiamo nei pressi dell'arco, al riparo dal forte vento che ci accompagnerà lungo tutto il percorso di crinale fino a Foce di Valli, e poi riprendiamo il cammino. Saliamo per l'ultimo tratto che ci porta alla croce del Monte Forato (1.223 m) e "lasciamo il segno" sul libro di vetta (che andrebbe ormai sostituito).

Ripercorso il sentiero all'indietro, ci ritroviamo nei pressi dell'arco al bivio che porta a Fornovelasco per la tratta percorsa all'andata ma, visto che il tempo sembra reggere, decidiamo di prendere il sentiero 110 (difficoltà EE) per Foce di Valli: il cartello indica 1.20h di cammino.

Il sentiero é ben segnalato e alterna passaggi su roccette in corrispondenza del crinale, a tratti meno esposti che passano a qualche metro dal crinale stesso, sul versante rivolto verso Fornovelasco. Fino a Foce di Valli affronteremo continui saliscendi.

Questo tratto di sentiero richiede passo fermo ed esperienza nell'affrontare tratti esposti : in caso di pioggia o roccia bagnata, eviterei questo percorso.

 

Il meteo non peggiora e non prenderemo acqua ma, purtroppo, il panorama rimarrà sempre limitato a causa delle nuvole basse. Non ho scelta, dovrò tornare una terza volta per vedere la Pania della Croce.

Nonostante la visibilità limitata, sono molti gli scorci sulle due vallate e le vedute sulla costa tirrenica. Avremo  anche l'occasione di vedere un grosso gruppo di mufloni correre vicino al crinale.

 

Arriviamo a Foce di Valli, ultimo punto in cui vedere contemporaneamente entrambi i versanti, per prendere il sentiero 130 che ci porterà al punto di partenza.

 

Il sentiero corre nei pressi del torrente dell'impluvio ai piedi della Pania ed i segni sono sufficientemente evidenti anche se l'erba ne nasconde in parte il tracciato.

Più in basso, a circa 15-20 minuti di cammino, si incontra il bivio con il sentiero 131 ma noi proseguiamo sul nostro 130 fino ad entrare nel bosco.

Da qui in avanti non vi sono particolari difficoltà, il sentiero si percorre facilmente, si incontrano particolari formazioni rocciose, ruderi di vecchi edifici, alberi e tratti di ruscello da attraversare.

Si arriva, infine, ad una carrareccia situata vicino ad un gruppo di edifici abitati e da qui é facile: si prende a destra per ritornare dopo alcuni minuti di cammino a Fornovelasco.

 

Conclusioni: il giro ad anello che abbiamo percorso, é bello. É caratterizzato dallo splendido arco del Monte Forato e da suggestivi scorci sulla Pania della Croce e sul litorale toscano. Il tratto EE tra il Monte Forato e Foce di Valli non é particolarmente impegnativo se si ha una adeguata esperienza di montagna ma sconsiglio di percorrerlo in caso di pioggia. Esistono alcune strade alternative e si può, ad esempio, chiudere l'anello con il sentiero 12 continuando prima sul 110 e poi sul 6 fino a rientrare al parcheggio.

Da Fornovelasco al Monte Forato passando da Foce di Valli